La caratteristica principale delle macchine fotografiche bridge, dette anche superzoom o megazoom, è proprio lo zoom che da normale o anche grandangolare può arrivare alle dimensioni di un teleobiettivo (o anche di un super teleobiettivo!), mantenendo dimensioni e peso inferiori alle DLSR. Il nome Brigde (dalll’inglese ponte) si rifà proprio alla loro collocazione di mercato come il punto di incontro o – più propriamente – l’anello di collegamento tra le reflex e le compatte.

Molto meno costose delle fotocamere DSLR, queste macchine fotografiche hanno solitamente lenti di qualità superiore rispetto alle compatte, ma sensori più piccoli rispetto alle DSLR, per cui anche la qualità delle foto si colloca nel mezzo tra queste due categorie. Il loro principale vantaggio è senza dubbio lo zoom, che va da 24x a 50x, che le rende estremamente pratiche, e che unito al costo (non molto superiore a quello delle compatte) e la qualità superiore dell’immagine (sempre rispetto alle compatte) ne fanno un prodotto molto adatto per il mercato prosumer.

Si tratta di macchine fotografiche che, pur non essendo destinate al mercato professionale, permettono di fare foto impensabili con una compatta (e anche con una DSLR, a meno di spendere davvero molti soldi in obiettivi), con una buona qualità e quasi tutte le impostazioni e funzionalità avanzate di una reflex.

 ModelloPesoDimensioniSensoreVideoZoom otticoAutonomiaPrezzo
Panasonic Lumix DMC FZ70K16.1 Megapixel1080p 30fps60x400 scatti
Nikon COOLPIX L840Nikon COOLPIX L840540 g 11,4 x 9,6 x 7,8 cm16.76 Megapixel1080p 30fps38x590 scatti379€
Panasonic Lumix DMC FZ200Panasonic Lumix DMC FZ200535 g10 x 10 x 6 cm12.1 Megapixel1080p 60fps24x540 scatti310€
Nikon COOLPIX P53016.1 Megapixel1080p 30fps42x240 scatti
FujiFilm FinePix S860016.0 Megapixel720p 30fps36x250 scatti